pedalare all’alba

Ho ripreso con immensa fatica. Non avendo molte alternative, se voglio mettere un pò di chilometri nelle gambe, devo alzarmi presto e pedalare prima di andare al lavoro. Questo vuol dire sentire la sveglia alle 4:45, litigare con il tepore del letto, vestirsi di fretta e iniziare a pedalare alle 5. Un'ora e quarantacinque di tempo massimo, altrimenti si perde il treno.

Annunci
Featured post

Tentativi di foto

Alla fine è tutta colpa del basilico. E' uno dei pochi risotti che le bimbe mangiano volentieri, ma nel nostro orto aromatico il basilico è defunto. Rapido calcolo: fuori piove, perturbazione in atto con formazioni nuvolose degne di nota e possibili spiragli di sole da ovest, visto che il peggioramento dovrebbe esser veloce. Il cavalletto... Continue Reading →

Featured post

lo schianto

Ho questa foto, l’ho fatta assieme alle bimbe durante una breve passeggiata in val di Fiemme, nel versante sinistro dell’incisione del rio Stava. Il prossimo anno saranno 35 anni da quella disgrazia che spazzò via tutto. Anche allora non curanza, superficialità...

Featured post

Ma che discorsi…

Non sono un gran frequentatore di mostre: direi proprio per niente, ma oggi visto una favorevole dinamica astrale, decido che in pausa pranzo, dovrei riuscire a raggiungere casa dei Tre Oci alla Giudecca.

Featured post

Trasformazioni

Considerate queste parole e queste foto come una sorta di allenamento.È evidente che io non sia uno scrittore e tanto meno un fotografo, ma una testimonianza penso di poterla dare.Sono foto relative alla nuova urbanizzazione di via Cà Marcello a Mestre. È una via che dalla stazione ferroviaria, corre parallela ai binari in direzione Venezia. Una via che per tre anni ho percorso quotidianamente, in sù e in giù. Una via che per quasi 10 anni non ho più percorso e che ora si è trasformata.

Featured post

vendesi…

Ormai giro con lei nello zaino dal giorno che l'ho portata a casa. Spesso viene a Venezia e torna a casa senza vedere la luce, vuoi perchè i passi calpestano sempre gli stessi masegni, vuoi perchè non sono nello stato d'animo giusto, vuoi perchè di tracolle senza senso se ne vedono a migliaia tra un canale e l'altro...

let my people go surfing

Stamattina è stata durissima alzarsi, veramente dura.Appena partito avevo già fame, ma fame fame! Adesso vorrei dormire o tornarmene a casa, ma il mio solito sedile blu contromano lato corridoio mi trattiene. Ho pure dimenticato il caricatore del telefono a casa. Vabbè accendo la musica e leggo let my people go surfing.

Casualità

Seduto sul mio solito sedile blu contromano lato corridoio, fatico a concentrarmi nella lettura del libro che racconta di un 35enne laureato in economia, che molla tutto per partire con lo zaino in spalla e farsi il giro del mondo senza usare aerei. Il bello è che fatico a concentrarmi nella lettura, a causa di... Continue Reading →

I segnali

Insomma ero stanco, avevo il cervello in acqua, con i miei due neuroni che stavano facendo snorkeling nella barriera corallina ai margini della fossa cranica tra i miei encefali. Esco un'ora prima, scappo a casa, eufemisticamente parlando, inforco la bici, prendo la fotocamera, faccio un paio di salitelle e alla golden hour scatto la foto... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑